Parapetto provvisorio per legno 112FR

SKU: 112FR

68,00 IVA inclusa

  • Peso: 9 Kg circa
  • Stato: zincatura
  • Apertura morsetto: 80 – 210 mm
  • Interasse tra ogni parapetto: 150 cm
  • Tipo di utilizzo: parapetto provvisorio anticaduta per tetti in legno. Questo parapetto per tetti in legno è adatto per coperture con travi in legno (pendenze non superiori a 30°).

Certificato ISPESL – INAIL  N° DTS-XI/01/03/SPB    del 3 Ottobre 2003  Classe A-B   EN 13374

Guarda Le recensioni

Calcola Spedizione

Parapetto provvisorio per tetti in legno (frontale): parapetto di classe B secondo UNI EN 13374/04 certificato ISPESL – Istituto Superiore Prevenzione e Sicurezza sul Lavoro di Roma n° DTS-XI/01/03/SPB del 03/10/2003 con estensione di omologazione.

Realizzato e certificato per essere utilizzato come sostegno di protezioni provvisorie contro le cadute durante i lavori di riparazione e montaggio su cantieri; permette di lavorare su coperture con travi in legno (pendenze non superiori ai 30° rispetto all’orizzontale) di edifici civili ed industriali in completa sicurezza.

Peso: 9 Kg circa
Stato: zincatura
Apertura morsetto: 80 – 210 mm

Immagini fornite da CSC Srl

MONTAGGIO
– Utilizzare mezzi adeguati al montaggio in sicurezza
– Controllare che la leva (1) sia perfettamente chiusa
– Posizionare il montante accostandolo frontalmente alle estremità della trave in legno (A)
– Eseguire l’attacco del morsetto del parapetto alla trave accostando il piattello (2) mediante la rotazione, con apposita chiave o perno (3) e stringendo fino al completo inserimento nel legno, con coppia di serraggio pari a 3daNm per ottenere un efficace presa
– Procedere al fissaggio di altri montanti alla distanza consigliata di 1400÷1500mm a completamento del bordo da proteggere
– Completare il montaggio del sistema di protezione bordi (corrimano, correnti intermedi e fermapiede) inserendo nelle apposite staffe dei montanti tavole di legno o altri profili metallici in grado di resistere ai carichi richiesti dalla normativa (vedere EN 13374)
– Le tavole o i profili utilizzati devono essere superiori di almeno 400mm alla lunghezza di due campate (Es: 1400+1400+200+200=3200)
– Lo spazio tra il fermapiede e la superficie di lavoro non deve superare i 20 mm
– Lo spazio tra i correnti non deve essere superiore a 250mm
– Fissare le tavole con viti o chiodi per ogni staffa di sostegno

Potrebbero Interessarti