Sollevare un carico unitario con forche

carico unitario su forche macchedil

IMBRACATURA E SOLLEVAMENTO DEI CARICHI

Accessori di sollevamento

(Da Linee Guida INAIL (EX ISPESL) – “Movimentazione dei materiali” )

Sono cosi definiti “accessori di sollevamento”: componenti o attrezzature non collegate alle macchine e disposte tra la macchina e il carico oppure sul carico per consentire la presa.

Gli accessori di sollevamento, all’atto della immissione sul mercato, devono recare i seguenti dati:

– identificazione del fabbricante;

– identificazione del materiale

– identificazione del carico massimo di utilizzazione;

– marcatura CE

Sugli accessori ove non è materialmente possibile la marcatura ( funi, cordami, ecc.. ), i dati devono essere apposti su una targa solidamente fissata sull’accessorio. Ogni accessorio deve essere accompagnato da istruzioni per l’uso che forniscano almeno le seguenti indicazioni:

– le condizioni normali di esercizio;

– le prescrizioni per l’uso, il montaggio e la manutenzione;

– i limiti di utilizzazione

 

Forche di sollevamento

(Da Linee Guida INAIL (EX ISPESL) – “Uso delle forche”)

Per forca di sollevamento si intende l’attrezzatura costituita da due o più bracci fissati ad un montante con un braccio superiore, essenzialmente per sollevare carichi su pallet o simili.

La forca deve essere dotata di Dispositivo di ritenuta ( catene, cinghie, fasce, ecc ) atta ad impedire lo scivolamento del carico dalla forca.

I carichi si suddividono in:

  • carico unitario: carico su pallet di legno riutilizzabile, avvolto in plastica ( involucro termoretraibile) e reggiato con regge incrociate;
  • carico non unitario: carico pallettizzato difforme per almeno un elemento (pallet, involucro, regge) rispetto al carico unitario come definito sopra

I pallet possono essere di due tipi:

  • pallet di legno personalizzato riutilizzabile: pallet appositamente costruito dal produttore che può essere riutilizzato purché non si superi il suo carico nominale originario;
  • pallet a perdere: o pallet non riutilizzabile o monouso, destinato ad essere scartato dopo un solo ciclo di utilizzo; questo pallet non può essere utilizzato per la movimentazione in quota dei carichi;

Il sollevamento di carichi unitari, potrà avvenire semplicemente assicurando il carico alla forca con il dispositivo di ritenuta;  il sollevamento di carichi non unitari invece, potrà avvenire solo se vengono usati sistemi e attrezzature che impediscano in qualunque condizione la caduta del carico o di singoli elementi o componenti che lo costituiscono ( ceste, gabbie, cassoni, reti, ecc.. )

SOLLEVAMENTO DI UN CARICO UNITARIO:
Per carico unitario si intende un carico inforcabile costituito da reggia tura incrociata, involucro termoretraibile e posto si pallet riutilizzabile.

1.       Inforcare il carico utilizzando una forca conforme norma UNI EN 13155:2007
2.       Bloccare in posizione il carico utilizzando il dispositivo di ritenuta della forca (fascia o catena).
3.       Verificare la stabilità del carico (sollevandolo a un metro da terra).
4.       Raggiungere la quota di posa del carico.
5.       Sollevare il carico con prudenza e gradualità evitando la movimentazione sopra ad aree di cantiere ove siano presenti lavoratori.

CARICO UNITARIO 1

CARICO UNITARIO 2

SOLLEVAMENTO DI UN CARICO NON UNITARIO:
Per carico non unitario si intende un bancale non adeguamento reggiato e rivestito, aperto, come ad esempio un pallet di mattoni svuotato in parte, tegole non contenute o imbracate ecc.

1.       Verificare che i singoli elementi posizionati sul pallet riutilizzabile non siano danneggiati in modo irreversibile.
2.       Proteggere il carico utilizzando un dispositivo di presa secondario (gabbia o carrello sollevabile, cesta per mattoni, rete o involucro …)
3.       Inforcare il carico utilizzando una forca conforme norma UNI EN 13155:2007
4.       Bloccare in posizione il carico utilizzando il dispositivo di ritenuta della forca (fascia  o catena).
5.       Verificare la stabilità del carico (sollevandolo a un metro da terra).