Corsi Sicurezza 2019 Confartigianato e Macchedil

Corsi obbligatori per l’utilizzo in sicurezza di macchine edili come da Accordo Stato-Regioni 22/02/2012. I Corsi sono svolti dall’ente formatore “Confartigianato/Ama Servizi” in collaborazione con Mantovana Macchedil.

Corso Ponteggio Aggiornamento 4 ore - 9 Giugno 2016 | Macchedil Online Store

Corso Aggiornamento Ponteggio: 22/02/2019 – 4 ore totali dalle 14:00 alle 18:00

 scarica il modulo aggiornamento ponteggio

Corso Aggiornamento Movimento terra: 01/03/2019 – 4 ore totali dalle 14:00 alle 18:00

scarica il modulo del corso di aggiornamento mmt

 

 

ProntoPro.it ci ha intervistati!

Oggi abbiamo rilasciato un’intervista per Il Blog di ProntoPro a proposito della vendita online di attrezzature edili e… dintorni!

Ecco il link all’intervista: https://www.prontopro.it/blog/lattrezzatura-di-cui-hai-bisogno-per-i-tuoi-lavori-edili/

Nell’intervista sono presenti le foto dei due ceffi che spesso di dilettano a fornirvi tutte le informazioni aggiuntive sui prodotti che vi piacciano, abbiamo omesso un dettaglio perché vi vogliano bene: tante volte le informazioni sui prodotti che ci chiedete al telefono sono già inserite nella scheda descrittiva del prodotto, ma “alcune volte” non avete voglia di leggerle, ma fa lo stesso, non è n problema… siamo contenti di parlare con voi!

Per macchedil.com è sempre importante dialogare con chi naviga sull’ e-commerce, ci aiuta a vedere le cose come le vedete voi!

Buona lettura!

Celine e Nelb

Altezza minima – Lavori in quota – importanti novità da una sentenza

Sicurezza del lavoro e rischi di caduta nei lavori in quota
di Rolando Dubini, avvocato penalista del Foro di Milano, cassazionista.

La sentenza della Corte di Cassazione, la n. 39024 del 20/9/2016 della Sezione IV penale ha analizzato l’art. 122 del D. Lgs 9/4/2008 n. 81, anche in relazione alle previgenti norme sulla protezione dalla caduta dall’alto di cui al D.P.R. 7/1/1956 n. 164, abrogate, e al D. Lgs. n. 235/203 attuativo della direttiva 2001/45/CE relativa ai requisiti minimi di sicurezza e di salute per l’uso da parte dei lavoratori delle attrezzature di lavoro utilizzate per l’esecuzione dei lavori temporanei in quota, che integro’ l’allora vigente D. Lgs. 19/9/1994 n. 626.

Quest’ultimo provvedimento introdusse la definizione dei lavori in quota come “una attività lavorativa che espone il lavoratore al rischio di caduta da una quota posta ad altezza superiore a 2 m rispetto ad un piano stabile”.
Vero è che la misura dei due metri in relazione al rischio di caduta dall’alto era già presente nel D.P.R. n. 164/1956, ai sensi del quale, art. 16, “nei lavori che sono eseguiti ad un’altezza superiore ai m. 2, devono essere adottate, seguendo lo sviluppo dei lavori stessi, adeguate impalcature o ponteggi o idonee opere provvisionali o comunque precauzioni atte ad eliminare i pericoli di caduta di persone e di cose”.

In relazione a detto art. 16 del D.P.R. n. 164/56 alcuni si sono chiesti, visto che lo scopo della norma è l’eliminazione “dei pericoli di caduta di persone o di cose”, se per l’altezza di 2 metri si doveva intendere la quota alla quale venivano effettuati i lavori, corrispondente sostanzialmente all’altezza della posizione delle braccia, unica interpretazione valida in base all’interpretazione letterale della norma (obbligatoria ai sensi dell’articolo 12 delle preleggi al codice civile) che parla di lavori. Oppure, in base ad una interpretazione non letterale e sostanzialmente elusiva dell’obbligo di tutela del lavoratore, si dovesse intendere la quota dalla quale potesse cadere il lavoratore, corrispondente sostanzialmente alla posizione del piano di calpestio sul quale lo stesso viene a trovarsi. Interpretazione del tutto in contrasto con la norma che si riferisce ai lavori che sono stanno eseguendo, e non dove si cammina.
Coerentemente con l’interpretazione letterale prevista dall’articolo 12 delle preleggi al Codice Civile, la Corte di Cassazione, ha sempre interpretato l’art. 16 del D.P.R. n. 164/56 affermando che ciò che contava ai fini dell’applicazione di tale articolo era l’altezza alla quale si stavano svolgendo i lavori (Cass. Pen. Sez. IV 7 giugno 1983, Cass. Pen. Sez. IV 4 agosto 1982, Cass. Pen. Sez. IV n. 741 del 25 gennaio 1982), esemplificando la posizione delle mani, e MAI il piano di calpestio sul quale si trovava il lavoratore.
Il D.P.R. n. 164/1956 faceva riferimento ai lavori eseguiti ad un’altezza maggiore di 2 metri e alle misure di protezione adottare anche allorquando ha disposto con l’art. 24 che “gli impalcati e ponti di servizio, le passerelle, le andatoie, che siano posti ad un’altezza maggiore di 2 metri, devono essere provvisti su tutti i lati verso il vuoto di robusto parapetto costituito da uno o più correnti paralleli all’intavolato, il cui margine superiore sia posto a non meno di 1 metro dal piano di calpestio, e di tavola fermapiede alta non meno di 20 centimetri, messa di costa e aderente al tavolato”.
Il D. Lgs. 14/8/1996 n. 494 sui requisiti minimi di sicurezza da attuare nei cantieri temporanei o mobili e, indicava fra i lavorinell’Allegato II comportanti rischi particolari per la salute e la sicurezza dei lavoratori e per i quali venivano richiesti particolari adempimenti aggiuntivi, quelli che espongono a rischi di caduta dall’alto da altezza superiore a m 2, anche se particolarmente aggravati dalla natura dell’attività o dei procedimenti attuati oppure dalle condizioni ambientali del posto di lavoro o dell’opera.
Il D. Lgs. n. 81/2008 all’art. 122 sui ponteggi nel 2008 così disponeva: “nei lavori che sono eseguiti ad un’altezza superiore ai m 2 devono essere adottate, seguendo lo sviluppo dei lavori stessi, adeguate impalcature o ponteggi o idonee opere provvisionali o comunque precauzioni atte ad eliminare i pericoli di caduta di persone e di cose conformemente al punto 2 dell’allegato XVIII”
Questo articolo 122 del D.Lgs. n 81/2008 aveva recepito l’abrogato articolo 16 del DPR 164/1956, creando una perfetta continuità normativa con la precedente normativa sulla protezione dalla caduta dall’alto, come ha sottolineato la Corte di Cassazione sez. IV, n. 39024 del 20/9/2016.
Tuttavia nel 2009 il D. Lgs. 3/8/2009 n. 106, correttivo ed integrativo del D. Lgs. n. 81/2008, ha modificato l’articolo. 122 del D. Lgs. n. 81/2008, che oggi così dispone:
“nei lavori in quota, devono essere adottate, seguendo lo sviluppo dei lavori stessi, adeguate impalcature o ponteggi o idonee opere provvisionali o comunque precauzioni atte ad eliminare i pericoli di caduta di persone e di cose conformemente ai punti 2, 3.1, 3.2 e 3.3 dell’allegato XVIII”.
Confrontando l’articolo 122 del 2008 con il 122 oggi vigente possiamo osservare che l’espressione “nei lavori che sono eseguiti ad un’altezza superiore ai m 2 devono essere adottate”, che compariva nel testo originario del 2008, è stata sostituita con l’espressione “nei lavori in quota, devono essere adottate”.
È sparito il riferimento ai due metri. Ma questo non ha alcun significato speciale in quanto i 2 metri restano nell’articolo 107 che definisce i lavori in quota.
Secondo la Cassazione quindi non sussiste oggi alcun dubbio sull’ampio campo di applicazione dell’art. 122 del D. Lgs. n. 81/2008 riferito ai lavori per i quali viene richiesta una protezione al fine di evitare la caduta dall’alto di persone o cose, che il legislatore ha voluto legare esplicitamente ai lavori in quota così come definiti nell’art 107 dello stesso D. Lgs., che così dispone: Articolo 107 – Definizioni – 1. Agli effetti delle disposizioni di cui al presente capo si intende per lavoro in quota: attività lavorativa che espone il lavoratore al rischio di caduta da una quota posta ad altezza superiore a 2 m rispetto ad un piano stabile.
Non vi è alcun dubbio sulle misure di protezione da adottare ogni qualvolta nel testo del D. Lgs. n. 81/2008 vengono citati i “lavori in quota” così come accade nell’art. 115 sui sistemi di protezione individuali? Sembra di no invece, attenzione, non è come pensano molti lettori della norma che non conoscono la giurisprudenza costante della Corte di Cassazione, oppure che l’avversario senza averne afferrato il senso: la Corte di Cassazione interpreta l’art. 122 in relazione all’art. 107 del D.Lgs. n. 81/2008 esattamente come interpretava l’articolo 16 del DPR 164/1956, e quindi c’è continuità normativa e continuità giurisprudenziale:

Come più volte affermato da questa Corte, infatti, l’altezza superiore a due metri dal suolo, tale da richiedere le particolari misure di prevenzione prescritte dall’art. 122 del D.Lgs. n. 81/2008, deve essere calcolata in riferimento all’altezza alla quale il lavoro viene eseguito rispetto al terreno sottostante e non al piano di calpestio del lavoratore (Cass. Sez. IV, n. 43987/2013 RV 257693). Prendere come punto di riferimento la posizione del lavoratore, infatti, significa escludere la stessa configurabilità dell’ipotesi del lavoro in quota superiore ai due metri, essendo comunque necessario che l’oggetto sia a portata degli arti superiori del lavoratore.
Come evidenziato nella sentenza impugnata, nel caso di specie è stato dimostrato doveva essere costruito un soppalco ad un’altezza di 3 metri dal suolo e la lavorazione affidata a M.V. consisteva nell’avvitamento della relativa trave ad un altezza derivante dalla sommatoria dell’altezza del trabatello, dell’altezza del lavoratore pari ad 1,75 metri e dello spazio soprastante alla sua testa e necessario a consentirgli di effettuare l’attività di avvitamento con l’apposita pistola pneumatica. Dunque un’altezza sicuramente superiore ai due metri; tale da integrare il requisito di cui all’art. 122 D.Lgs. n. 81/2008″.
Cosi Cassazione Penale, Sez. 4, 20 settembre 2016, n. 39024.
I due metri della quota vengono calcolati dalla suprema corte come distanza tra il “terreno” e l’altezza alla quale va eseguito il lavoro, in tal senso anche un’altra sentenza della Cassazione, tra le tante: ” Invero va considerato che l’art. 122 D. Lvo n. 81/2008, come modificato dall’art. 77 D. Lvo n. 106/2009, prevede che nei lavori in quota debbano essere adottate, seguendo lo sviluppo dei lavori stessi, adeguate impalcature o ponteggi o idonee opere provvisionali o comunque precauzioni atte ad eliminare i pericoli di caduta di persone e di cose conformemente. Il legislatore ha, dunque, imposto una maggiore cautela rispetto a quella che era prevista prima della riforma effettuata ai sensi del D. Lvo n. 106/2009, la quale prevedeva che le cautele medesime dovessero essere adottate nei lavori che fossero eseguiti ad un’altezza superiore ai m 2. La norma si riferisce, dunque, a lavori non eseguiti ad altezza d’uomo, bensì ad un’altezza dal suolo – qualunque essa sia – che ne renda più difficile e rischiosa l’esecuzione, tanto da rendere necessario il ricorso a misure capaci di prevenire il rischio di cadute. Una modifica, quindi, che ha, in tale materia, ampliato i casi di ricorso alle opere provvisionali e a sistemi di protezione per lavori come quello che avrebbe dovuto eseguire il V.C. che, per completare l’erezione del muro fino all’altezza di metri 3,5 dal suolo, doveva necessariamente avvalersi di un ponteggio” (Cassazione Penale, Sez. 4, 6 agosto 2015, n. 34289).
Punto di riferimento costante della Suprema Corte non è MAI il piano di calpestio del lavoratore, MAI citato dall’articolo 107 del D..Lgs. n. 81/2008, ma sempre e solo l’altezza del ponteggio sommata a quella del lavoratore avendo come riferimento le mani di chi esegue i lavori, appunto con le mani, e dell’altezza del manufatto raggiunta dalle mani del lavoratore, considerando in modo decisivo l’altezza dell’opera da realizzare.
Il ragionamento è lineare, per la Cassazione se fai un soppalco a 3,5 metri o un muro alto 3 metri è un lavoro in quota. La Cassazione da per certa la perfetta continuità normativa tra l’articolo 16 del DPR 164/1956 e L’ATTUALE ARTICOLO 122 del dlgs 81/2008.

Va infine ricordato che la direttiva DIRETTIVA DEL CONSIGLIO del 12 giugno 1989 concernente l’attuazione di misure volte a promuovere il miglioramento della sicurezza e della salute dei lavoratori durante il lavoro (89/391/CEE) dice con molta a chiarezza ” che la presente direttiva non può giustificare l’eventuale riduzione dei livelli di protezione già raggiunti in ciascuno Stato membro, poiché gli Stati membri, in virtù del trattato, stanno cercando di promuovere il miglioramento delle condizioni esistenti in questo settore e si sono prefissi l’obiettivo dell’armonizzazione di dette condizioni nel progresso”. Quindi vuol dire che qualunque interpretazione dell’articolo 107 del dlgs 81/2008 finalizzata a ridurre i livelli di tutela prima previsti dall’articolo 16 del DPR è vietata dalla direttiva quadro 89/391 attualmente recepita in Italia con il dlgs 82/2008.

Come Scegliere ed Acquistare La Linea Vita

Su che tipo di tetto andrà montata?

La prima cosa da fare che può sembrare banale è  sapere su che tipo di tetto andrà montata la linea vita. E’ un tetto piano? E’ un tetto con una, due o 4 falde?
Da questo dipenderà la scelta della torretta che, avendo basi diverse, si devono adattare al tetto su cui verranno montate.

tetto a falda unica
tetto piano
tetto a doppia falda

Che tipologie di linea vita ci sono?

Linea vita Light (Deformabile)

La linea vita Light è una linea vita dai costi molto centenuti, utilizzata nei casi dove l’impatto visivo è di fondamentale importanza. Consente inoltre un gran risparmio nella sua messa in posa sopratutto nei casi in cui si sa a priori che verrà usata raramente. Questa linea vita è deformabile; cioò indica che, una volta verificata una caduta, tutte le torrette coinvolte e che hanno subito una deformazione dovranno essere cambiate e la linea vita sostituita.
La serie light, così come la combo, presenta due varianti per ogni torretta, una in Inox e una zincata a caldo.

Linea vita Combo (Indeformabile)

La linea vita combo rappresenta il giusto compromesso tra la praticità e robustezza della linea vita indeformabile e l’impatto visivo ridotto che caratterizza le linee vita Light (deformabili). A differenza delle torrette della linea vita indeformabile, queste hanno l’ancoraggio superiore non saldato direttamente sulla torretta.

Linea vita Indeformabile

Con la linea vita Indeformabile si ha la certezza di un ‘installazione linea vita di tipo permanente, completa di ancoraggi indeformabili con una conseguente riduzione di manutenzioni. Abbiamo inoltre la certezza di avere un sistema che duri nel tempo e che non si deformi in caso di caduta dell’operatore. Essendo indeformabile le ispezioni si riducono al semplice controllo dello stato della fune e degli accessori: morsetti,redance, grilli e tenditori. La zincatura permette inoltre alle torrette di resistere alle intemperie nel corso del tempo.
– Se abiti in zona martittima ti consigliamo una linea vita Inox e deformabile. –

Deformabile o Indeformabile?

La linea vita Indeformabile ha un costo leggermente più elevato della linea vita deformabile (zincata) che risulta quindi relativamente economica. La scelta tra l’utilizzo di una e l’altra non si basta solo sul costo che la linea vita ha all’acquisto ma anche degli eventuali costi di manutenzione e sostituzione.

La linea vita deformabile infatti, in caso di caduta dell’operatore, subisce una deformazione permanente rendendola successivamente inutilizzabile in sicurezza. Dopo l’evento infatti bisognerà richiamare il tecnico, riaprire la copertura, sostituire i pali, ripristinare la struttura e richiudere il tetto.

La linea vita Indeformabile invece non subendo queste deformazioni a livello di torrette non ha bisogno di interventi che coinvolgono l’apertura del tetto e la sostituzione di quest’ultime.

Ganci Sottotegola: Cosa sono? Servono?

I Ganci sottotegola possono essere di diverso tipo. Sono Ganci che vanno fissati, appunto, sottotegola e vanno a creare un appiglio per l’operatore sia che debba raggiungere la linea vita (partendo dal punto di salita che ha sul tetto) sia che debba impedire un effetto pendolo in caso di caduto.

Linea vita Inox oppure Zincata?

La scelta dipende dalla zona in cui si trova l’edificio da mettere in sicurezza. La linea vita inox (combo o light) è meno soggetta alla corrosione da agenti atmosferici e quindi ottima per località marittime.
La linea vita indeformabile (non combo) non presenta la variante in Inox.

Certificazione Linea vita e Manuale

Il Manuale arriva insieme alla linea vita dopo l’acquisto e contiene il certificato di corretto montaggio (formulario) che verrà compilato dall’installatore e firmato dal proprietario dell’immobile.

Insieme al manuale c’è la dichiarazione di conformità che dichiara che la linea vita è conforme alla normativa EN795.

VideoGuida: Come acquistare la linea vita sul sito (prossimamente)

Privacy Settings
We use cookies to enhance your experience while using our website. If you are using our Services via a browser you can restrict, block or remove cookies through your web browser settings. We also use content and scripts from third parties that may use tracking technologies. You can selectively provide your consent below to allow such third party embeds. For complete information about the cookies we use, data we collect and how we process them, please check our Privacy Policy
Youtube
Consent to display content from Youtube
Vimeo
Consent to display content from Vimeo
Google Maps
Consent to display content from Google
Condivisione Carrello
Il tuo carrello verrà salvato e potrai utilizzare il link per condividerlo con chiunque.
Back Condivisione Carrello
Your Shopping Cart will be saved with Product pictures and information, and Cart Totals. Then send it to yourself, or a friend, with a link to retrieve it at any time.
Your cart email sent successfully :)

Carrello
Il carrello è vuoto!
Totale Parziale
0,00
Continua gli acquisti
0